CHE NE SARÀ DI NOI?

Oggi pensavo e ripensavo a tutte le persone contagiate, a chi è  chiuso in casa, a tutti i medici, infermieri, biologi, operatori socio sanitari, carabinieri, polizia, ma il mio pensiero non si è soffermato solo a questo. Il mio pensiero è andato anche a tutti i giovani disoccupati che già facevano fatica a trovare lavoro, che ne sarà di noi ? Visto che l’Italia ad oggi è quasi totalmente bloccata, e automaticamente il mio pensiero va anche al danno economico che saremo costretti a subire un domani, non molto lontano.

Ricordo ancora le parole del presidente del consiglio prima che il virus arrivasse in Italia “non si può blindare l’Italia perché andremmo incontro a un danno economico enorme, chiudendo frontiere, e bloccando l’importazione” queste sono le parole del presidente del Consiglio Italiano.

Ad oggi l’economia Italiana è collassata quasi totalmente  con conseguenti danni economici di almeno 3 volte superiori a quelli che ci sarebbero stati se avessero chiuso tutto prima. Io non sono uno che pensa all’orientamento politico, ma penso a quello che ci aspetterà domani specialmente a noi giovani che ad oggi ci troviamo senza una posizione economica.

Pensando anche a tutti gli imprenditori che non riusciranno ad aprire le loro attività, dove andremo a finire? Spero che lo Stato Italiano si prenderà tutte le responsabilità che gli spettano e agisca nel migliore dei modi non come ha fatto fino ad ora, ma in modo concreto per aiutare tutti i cittadini Italiani. Non credo che tutto questo accadrà , vedendo le manovre che sono pronti ad attuare e mettere in vigore.

Manovre che dal mio punto di vista ci faranno toccare il fondo, provocando una delle  crisi più brutte che ci siano mai state.Mi rivolgo a tutti coloro che sono disoccupati, gli imprenditori, e a tutti i cittadini Italiani,non abbassiamo la testa come abbiamo sempre fatto ma alziamola e lottiamo per il nostro futuro . Vi ricordo che tutto quello che stiamo vivendo oggi, è tutta colpa dello Stato Italiano . 

Varratta Matteo