La Villa Comunale “un contenitore di storie”: inaugurazione nuova toponomastica

Fonte: brindisireport.it

FRANCAVILLA FONTANA – Domenica 26 giugno alle 9.30 in villa Comunale l’Amministrazione comunale presenterà la nuova toponomastica della più importante area verde cittadina così come configurata dalla cittadinanza all’esito della consultazione online dell’ottobre scorso.

All’evento interverranno il sindaco Antonello Denuzzo, l’assessore alla Partecipazione Sergio Tatarano, Sandro Rodia e Pinuccio Cafueri della Commissione toponomastica, Sabrina Matrangola, figlia di Renata Fonte, Virginia Mariani dell’Associazione Toponomastica Femminile, e Antonio Fanelli che leggerà un messaggio della famiglia di Peppino Impastato.

Grazie a questo progetto la Villa Comunale si è trasformata in un contenitore di storie e vicende della comunità francavillese, un luogo di memoria viva e interattiva. La segnaletica interna, posizionata nelle scorse settimane, è stata dotata di un QR-code che permette di conoscere meglio le personalità celebrate.

Il percorso che ha condotto alle intitolazioni ha avuto inizio nella primavera del 2021 con la definizione della rosa di nomi proposta dalla cittadinanza e successivamente approvata dalla Commissione Toponomastica e dalla Giunta Comunale.

Alla consultazione online chiusa il 17 ottobre sulla piattaforma “Francavilla Partecipa” hanno preso parte più di 700 residenti con almeno 16 anni d’età che hanno scelto di intitolare i viali e gli spiazzi a Giuseppe Vecchio (164 voti), Giuseppe Andriani (149 voti), Pietro Di Pietrangelo (119 voti), Giuseppe Milone (73 voti), Palma Gallone (66 voti), Cosima Vellotti (60 voti), Maria Fontana Chianura (40 voti), Anna Campanella (34 voti), Elio Fanigliulo e Augusto Camassa (29 voti), Lucia Chirico e Irene Fanelli (22 voti), Paola D’Ambrosio (18 voti), Caterina Barbaro Forleo (18 voti) e Lillina Schiavone (15 voti).

La Commissione Toponomastica ha proposto all’Amministrazione comunale di escludere dalla “competizione” i nomi di Peppino Impastato e Renata Fonte, attribuendo a questi ultimi direttamente l’intitolazione degli spiazzi dei due ingressi.

“L’intitolazione dei viali della villa – spiega l’assessore Sergio Tatarano – è un traguardo simbolo per la valorizzazione della storia locale, la promozione delle pari opportunità e l’impulso alla cittadinanza attiva. Passeggiare in Villa sarà una occasione anche per ricordare le vicende di uomini e soprattutto donne locali, queste ultime finalmente trovano adeguato spazio nelle celebrazioni costituendo elemento di stimolo per le future generazioni.”