TARANTO – Ubriaco tenta di incendiare la propria casa e invia le foto alla moglie: arrestato giusto in tempo dalla polizia!

Fonte: radiostudio100.com

I poliziotti sono intervenuti presso un’abitazione del rione Italia Montegranaro per la segnalazione giunta alla Sala Operativa di una lite violenta in famiglia.

Gli agenti, giunti sul posto, hanno contattato la donna che poco prima, aveva riferito al personale del 113 che il marito aveva incendiato il materasso della camera da letto.

La donna, ancora scossa dall’accaduto, ha raccontato ai poliziotti che quella sera rincasando dopo il lavoro, aveva trovato la porta della propria abitazione chiusa dall’interno con una catena e dopo aver suonato il campanello ha sentito il marito che le urlava di non entrare in casa. A quel punto, la signora, spaventata, si è recata al terzo piano dello stesso stabile dove vive il figlio della coppia per chiedere aiuto.

Poco dopo il marito le ha inviato tramite whatsapp le immagini della bombola del gas di casa che aveva estratto dal mobile della cucina ed una bottiglia di liquido infiammabile, minacciandola che avrebbe appiccato un incendio all’intero immobile e che lo avrebbe fatto saltare in aria.

Qualche minuto dopo la donna aveva ricevuto dal marito delle nuove foto del letto matrimoniale in fiamme seguite da un messaggio audio dove la invitava a chiamare i Vigili del Fuoco. Di fronte a quelle nuove immagini la donna ha raggiunto il suo appartamento e ha visto il marito uscirne.

Senza esitare , entrata nella propria abitazione, invasa dal fumo,  è riuscita a spegnere le fiamme e grazie al suo tempestivo intervento i danni sono stati circoscritti alla sola camera da letto: a seguito di tale episodio la donna si è decisa a chiedere l’intervento delle Forze dell’Ordine.

Il marito, alla vista dei poliziotti, ha dato in escandescenze probabilmente per effetto delle sostanze alcoliche assunte e, dopo un vano tentativo di sottrarsi al controllo, ha minacciato a gran voce di ammazzare tutti i poliziotti e subito dopo gli si è scagliato contro. Con non poca difficoltà e con l’ausilio di altri poliziotti giunti, si è riuscito a contenere la furia dell’uomo e a metterlo in sicurezza, ma anche all’interno dell’abitacolo dell’autovettura di servizio ha continuato a proferire insulti e minacce nei confronti degli agenti.

Il 51enne è stato condotto pressi gli uffici della Questura per le formalità di rito e trasmessi gli atti all’Autorità Giudiziaria per la convalida, è stato arrestato in flagranza perché presunto responsabile dei reati di incendio doloso, minaccia, resistenza ed oltraggio a Pubblico Ufficiale e tradotto presso la casa Circondariale di Taranto.