L’ombra della macellazione clandestina dietro ai furti seriali di cavalli da trotto e ippoterapia

Fonte: lavocedimanduria.it

C’è allarme e timore negli ambienti dell’equitazione amatoriale e terapeutica ionica, per una serie di furti seriali di cavalli ospitati nei maneggi della provincia. Nell’ultima settimana, gli equini scomparsi sono una decina sottratti in quattro diverse scuderie di altrettante masserie nelle campagne di Taranto, Talsano, Pulsano e Grottaglie. Il sospetto è che dietro i furti ci sia il mercato delle macellazioni clandestine. Un orrore per tutti e un dramma per i circa venti ragazzi autistici che con due esemplari finiti nella rete dei trafficanti praticavano l’ippoterapia. Siria e Lady, due cavalle di 20 e 17 anni, sono state sottratte dalla masseria «Francesca» di Crispiano ed erano impiegate dall’Accademia italiana di equitazione «Il moro di Puglia», per i trattamenti terapici di ragazzi e adulti affetti da autismo e altri disturbi del comportamento. Il loro proprietario, Michele Caroli che ha denunciato il furto ai carabinieri di Crispiano, è disperato. «Ho ventidue cavalli nella mia fattoria – dice – e sono a tutti affezionato come un padre, ma le mie Siria e Lady non le dovevano toccare; mercoledì cosa dirò ai loro piccoli pazienti che non le vedranno? Quando una di loro era indisposta, abbiamo assistito a strazianti crisi di pianto», racconta Caroli che confida in un miracolo. «Speriamo che le indagini portino a qualcosa, noi da parte nostra – prosegue il fattore crispianese – stiamo cercando in continuazione con l’aiuto anche degli attivisti delle associazioni animaliste come “Progetto Islander” che ci sono di grande supporto»